Il perché di un Patto formativo …

(estratto dal Patto formativo per il cammino catechistico)

Come equipe impegnata per la formazione dei parrocchiani siamo convinti che, per la partecipazione attiva e condivisa delle famiglie e dei ragazzi a questo piano, sia utile un “patto comune” tra famiglie e comunità parrocchiale.

Il Patto è il punto di partenza della relazione d’amore tra Dio e il suo popolo. Fin dal principio il cammino biblico, attraverso il quale Dio si unisce al suo popolo, è caratterizzato dalla decisione reciproca di aderire ad un patto di Alleanza: “il Patto d’Alleanza tra Dio e il suo Popolo”.

In questo senso e in questa direzione biblica ed evangelica si orienta il desiderio di stipulare un patto formativo tra le realtà che sono interessate a formare nel proprio figlio una coscienza civile e cristiana.

Il cammino formativo sarà caratterizzato dalla dimensione «personale», secondo la visione antropologica rivelata dal Vangelo e ripresa dai pensatori del «Personalismo» del Novecento.

Essi hanno intuito che «il personalismo» permette di «ottenere una visione realistica della persona, ponendo al centro l’essere umano in tutte le sue dimensioni, corporea, intellettuale e spirituale».

In questo senso il cammino proposto ha l’obiettivo di aiutare i giovani a crescere come persona e come cristiani per poter realizzare la loro missione all’interno della società e la loro vocazione nella Chiesa.

Per l’equipe formativa

d. Alberto

PATTO FORMATIVO CATECHISMO

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi