Lc-1-1-4-4-14-21

Vangelo e letture di domenica 27 gennaio 2019


III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

LETTURE:  Ne 8,2-4.5-6.8-10; Sal 18;   1Cor 12,12-30;  Lc 1,1-4; 4,14-21

La missione di annunciare e liberare

Con il testo evangelico di questa terza domenica del tempo ordinario (Lc 1,1-4; 4,14-21) ha inizio, stando al vangelo di Luca, che ci accompagnerà durante questo anno liturgico, la narrazione dell’attività pubblica di Gesù. L’inizio del ‘ministero di Gesù’ l’evangelista lo colloca a Nazareth, tra i suoi concittadini, dove era cresciuto.

1 Poiché molti han posto mano a stendere un racconto degli avvenimenti successi tra di noi, 2 come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni fin da principio e divennero ministri della parola, 3 così ho deciso anch’io di fare ricerche accurate su ogni circostanza fin dagli inizi e di scriverne per te un resoconto ordinato, illustre Teòfilo, 4 perché ti possa rendere conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

14 Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito Santo e la sua fama si diffuse in tutta la regione. 15 Insegnava nelle loro sinagoghe e tutti ne facevano grandi lodi.
16 Si recò a Nazaret, dove era stato allevato; ed entrò, secondo il suo solito, di sabato nella sinagoga e si alzò a leggere. 17 Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; apertolo trovò il passo dove era scritto:
18 Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione,
e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio,
per proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
per rimettere in libertà gli oppressi,
19 e predicare un anno di grazia del Signore.
20 Poi arrotolò il volume, lo consegnò all’inserviente e sedette. Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui. 21 Allora cominciò a dire: «Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi».

La scelta, poi, di Gesù di alzarsi a leggere e di commentare quanto letto gli offre la possibilità di esporre ai presenti la sua missione. Infatti, dopo aver letto il testo del profeta Isaia (cap. 61), prende la parola con una affermazione importantissima e solenne: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato nella mia stessa persona” (v. 21). Gesù, dunque, a coloro che lo ascoltavano Gesù si presenta con una duplice missione, quella di annunciare e quella di liberare: “Lo Spirito mi ha inviato a dare una buona notizia ai poveri, ad annunciare un mondo in cui finisce ogni forma di oppressione” (v. 18).

La sua missione è anche la vocazione di tutta la Chiesa, è la missione di ogni battezzato nella Chiesa: ciascuno di noi, infatti, in virtù del proprio battesimo condivide la missione profetica di Gesù.

L’annuncio a cui anche noi tutti siamo chiamati è un incarico, una missione, una responsabilità; ed è quindi anche un dovere proporzionale al tipo di missione ricevuta. È il dovere che dal Cristo, per mezzo degli Apostoli, si diffonde a tutta quanta la Chiesa.

Capiamo anche che pur essendo un dovere, tuttavia non è un compito facile, né un compito che promette soddisfazioni, né un compito a cui ci si sobbarchi come a un diversivo, ma è un incarico duro e difficile, che richiede soprattutto costanza e fedeltà; proprio come il seme della parabola evangelica, che appunto porta frutto nella costanza e nella pazienza. Non essendo né un’opera facile, né un’opera che ci siamo presi da noi, è un’opera nella quale è importante perseverare, malgrado le difficoltà, nella fedeltà a Cristo che ci invia ad annunciare.

Qui Gesù ci invita ad evangelizzare i poveri. La promozione umana, quindi, è parte integrante e quindi costitutiva della evangelizzazione. Il testo di Isaia indica con chiarezza che l’annuncio messianico della venuta in mezzo a noi del Regno di Dio va particolarmente nella direzione degli uomini che normalmente sono emarginati: perché poveri, prigionieri, disgraziati, oppressi, emigranti. Madre Teresa di Calcutta diceva ad un certo punto della sua vita: “Ho sentito intensamente che Gesù voleva che io lo servissi nei poveri, negli abbandonati, abbracciando un genere di vita che mi rendesse simile ai bisognosi: perché è là che egli vive ed è presente”. Con il Battesimo siamo stati chiamati anche a ‘lottare’ perché finisca ogni forma di oppressione nel mondo. Viviamo, infatti, in un mondo globalizzato, dove la marginalità, lo sfruttamento e l’ingiustizia sono purtroppo, oggi, dilaganti. Il divario tra i ricchi e i poveri si acuisce. Il benessere economico diviene un fattore decisivo nelle relazioni tra i popoli, le nazioni, le comunità. Le questioni economiche spesso scatenano tensioni e conflitti tra loro. E’ difficile vivere in pace se non c’è giustizia. Il problema serio della Chiesa oggi è proprio quello di offrire un messaggio che raggiunga il cuore della gente, trovare, nelle nostre assemblee liturgiche, forti motivazioni al nostro impegno di credenti, che aiutino a capire che l’amore evangelico non è fatto di buoni sentimenti soltanto, ma di una solidarietà che porti ad uno stile di vita che non uccida, nei poveri, la speranza di una esistenza più umana e dignitosa. A ciascuno di noi è affidata questa missione di annunciare e di adoperarci per promuovere l’uomo. Chiediamo al Signore di poter dire (assieme a Gesù): “Questo comincia a diventare vero nella nostra Comunità” che in concreto dice: non basta ascoltare la Parola, non è sufficiente nemmeno rifletterci sopra, bisogna operare in modo fattivo ciò che la Parola chiede al nostro impegno, senza difenderci, per pigrizia, dalla concretezza del Vangelo.

don Danilo Marin

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi